Tipi di radioterapia per il cancro alla prostata

Ca prostatico, il ruolo del radioterapista e della radioterapia nell'utilizzo dei farmaci ormonali

Prostatite ciprofloxacina

Le radiazioni usate per la terapia contro il cancro sono. Circa la metà dei pazienti affetti da tumore deve sottoporsi a una qualsiasi forma di radioterapia nel corso della terapia antitumorale. Il tipo di radioterapia prescritto dal radioterapista dipende da diversi fattori, tra cui ricordiamo:.

I pazienti di solito ricevono la radioterapia esterna in diverse sessioni giornaliere per un periodo di diverse settimane. Il numero di sedute dipende da numerosi fattori, tra cui la dose totale di radiazioni da somministrare.

Durante la seduta il paziente si trova sdraiato su un apposito lettino rigido e il dispositivo per la somministrazione viene in genere manovrato da una stanza adiacente la comunicazione con tra paziente e personale sanitario è garantita dalla presenza di una sorta di citofono. Per curare il tumore sono usate diverse tecniche di brachiterapia:. I semi sono impiantati nel paziente, usando dispositivi come le siringhe o i cateteri. Gli isotopi, durante il loro decadimento naturale, rilasciano le radiazioni che danneggiano le cellule tumorali limitrofe.

Se lasciati sul posto, gli isotopi decadono completamente nel giro di alcune settimane o pochi mesi e cessano di emettere radiazioni. Con la brachiterapia è possibile somministrare ad alcuni tipi di tumore dosi maggiori di radiazioni rispetto alla radioterapia esterna, causando meno danni ai tessuti sani.

I medici possono ricorrere alla brachiterapia come terapia singola oppure in combinazione con una forma di radioterapia esterna, in grado di fornire una dose elevata di radiazioni al tumore risparmiando il tessuto sano limitrofo. Nella radioterapia sistemica, la sostanza radioattiva iodio radioattivo o altra sostanza radioattiva collegata normalmente ad un anticorpo monoclonale, in grado di riconoscere le cellule tumorali viene somministrata al paziente per via orale o tramite flebo.

Lo iodio radioattivo I è un una sostanza usata di solito per la radioterapia sistemica di alcune forme di tumore alla tiroide. Le cellule della tiroide, infatti, sono in grado di assorbire questa sostanza. Ad esempio:. Alcuni farmaci per la radioterapia sistemica alleviano il dolore tipi di radioterapia per il cancro alla prostata dalle metastasi ossee e possono essere usati come radioterapia palliativa.

I pazienti che si sottopongono a radioterapia esterna di solito devono andare in tipi di radioterapia per il cancro alla prostata o in clinica cinque giorni a settimana per diverse settimane. Ogni giorno viene somministrata una dose una frazione della dose totale tipi di radioterapia per il cancro alla prostata di radiazioni.

Solo in alcuni casi vengono somministrate due dosi al giorno. Tipi di radioterapia per il cancro alla prostata maggior parte dei tipi di radioterapia esterna viene somministrata in monodose giornaliera per tipi di radioterapia per il cancro alla prostata motivi:. I ricercatori auspicano che le diverse forme di frazionamento della terapia siano o più efficaci del frazionamento classico oppure ugualmente efficaci ma più convenienti.

Il radioterapista mette a punto il piano terapeutico del paziente mediante la pianificazione terapeutica, che ha inizio con una simulazione. Le immagini vengono riprese di solito mediante una delle seguenti tecniche di diagnostica per immagini:.

È possibile costruire su misura delle impronte, delle maschere o altri dispositivi che aiutino il paziente a rimanere fermo. Per posizionare il paziente con la massima precisione i medici usano dei segni rimovibili sulla cute o delle specie di tatuaggi.

Tipi di radioterapia per il cancro alla prostata per la radioterapia. I pazienti che si sottopongono alla radioterapia alla testa possono aver bisogno di una maschera. La maschera aiuta a tenere la testa ferma e assicura che il paziente non cambi posizione tra una sessione e la successiva.

Dopo la simulazione lo specialista decide qual è la zona esatta da trattare, la dose totale di radiazioni che colpiranno il tumore, la dose massima consentita per i tessuti sani intorno al tumore e gli angoli di incidenza i percorsi più sicuri per la somministrazione delle radiazioni.

Nel primo giorno di terapia, e di solito per almeno una settimana, vengono effettuati diversi controlli per accertarsi che la terapia sia somministrata esattamente come previsto. La dose di radiazioni per la terapia antitumorale è misurata in gray Gy : 1 gray equivale alla quantità di radiazione assorbita da 1 kg di tessuto umano. Per eliminare i diversi tipi di cellule tumorali sono necessarie dosi diverse di radiazioni. Le radiazioni sono in grado di danneggiare alcuni tessuti con particolare facilità: ad esempio gli organi riproduttivi testicoli e ovaie sono più sensibili alle radiazioni rispetto alle ossa.

Il radioterapista comunque terrà conto di questo dato al momento di pianificare la terapia. La IORT è usata in alcuni casi quando i tessuti normali sono troppo vicini al tumore e quindi è sconsigliabile ricorrere alla radioterapia esterna.

Dopo la terapia antitumorale, i pazienti devono sottoporsi a controlli oncologici regolari per controllare il proprio stato di salute ed escludere eventuali recidive del tumore. I pazienti che si sottopongono a brachiterapia temporanea, devono stare in una stanza speciale, schermata per impedire la fuoriuscita delle radiazioni. Alcuni tipi di radioterapia sistemica possono rendere leggermente radioattivi i fluidi prodotti dal paziente saliva, urina, sudore, feci : si tratta di un effetto collaterale temporaneo, ma i pazienti devono limitare il contatto con altre persone, soprattutto con i bambini e le donne in gravidanza, per tutto il periodo di radioattività.

Per capire se è opportuno prendere precauzioni, i famigliari e tutti coloro che entrano in contatto col paziente dovrebbero rivolgersi al personale medico. Per capire a quali potrste andare incontro vi consigliamo di fare riferimento alla tabella seguente.

Nella prima riga trovate la parte del corpo trattata e leggendo la tabella per colonne compaiono gli eventuali effetti collaterali. Le radiazioni utilizzate per combattere i tumori non solo uccidono o rallentano la crescita delle cellule tumorali, ma possono anche colpire le vicine cellule sane: questa è la causa….

Dottore spero mi risponda è molto importante. Sono incinta di 6 settimane e mio marito probabilmente dovrà fare visita tra 15giorni quondi io sarei di 8 settimane se tutto va ok speriamo!!! Grazie sono molto preoccupata…. Ho chiesto proprio ieri al ginecologo e mi ha detto rischio zero pure lui. Ma è radioattiva esatto??? In genere comunque, per prudenza, si consiglia di non avere stretti contatti con bambini e donne in gravidanza per un periodo di tempo variabile in base alla sostanza radioattiva utilizzata.

Queste sono alcune norme comportamentali successive alla dimissione dopo infissione di SEMI DI IODIO: I portatori di sorgenti radioattive in seguito a brachiterapia sono fonte di irradiazione significativa a distanza inferiore a un metro Cattani, Radiotherapy and oncology, 79, tipi di radioterapia per il cancro alla prostata, e potrebbero causare danni solo nel caso di frequentazioni prolungate: più di 20 ore settimanali nel caso di adulti e più di 2 ore settimanali se si tratta di bambini e donne in gravidanza.

Il dolore che persiste dopo un ciclo di radioterapia per metastasi vertebrali di un tumore al polmone cosa indica? Non sono oncologo, ma da solo non permette a mio parere alcuna considerazione certa, va segnalato allo specialista che tipi di radioterapia per il cancro alla prostata indagherà nel contesto generale altri sintomi, esami, analisi, ….

Le vorrei chiedere se la radioterapia in se aumenta la probabilità in futuro, nel paziente, di avere tumori in generale. Vorrei chiederLe, poi, le conseguenze di lungo periodo di una radioterapia a livello di organi e a livello di cellule, cioè se la radioterapia, uccidendo anche le cellule buone, permette al paziente di raggiungere il numero di cellule preesistenti o se questo non sarà possibile e quindi avrà un deficit di cellule.

Le chiedo se possibile rispondermi. Non sussiste il problema di andare incontro a un deficit di cellule, ma le confermo che alcuni tipi di radioterapia possono essere fattori di rischio per lo sviluppo di altri tumori. Le chiedo una risposta quanto prima e La ringrazio. Mia madre ha finito un ciclo di 28 radio continue per un carcinoma squamoso all ano ora ci hanno detto che dobbiamo aspettare 40 giorni per la risonanza di controllo ma nn sono trpppi e nel frattempo nne che puo peggiorare?

Le tempistiche sono decide in base a precise linee guida, posso immaginare che facendolo prima non si evidenzierebbero ancora eventuali anomalie. Vorrei acquistarlo on-line ma non saprei cosa cercare. No, grazie Si, attiva. Ultima modifica Tipi di radioterapia per il cancro alla prostata Come viene somministrata Adeguare le dosi al singolo paziente Quando deve essere eseguita Il paziente diventa radioattivo?

Roberto Gindro laureato in Farmacia, PhD. Radioterapia ed effetti collaterali durante e dopo la terapia Le radiazioni utilizzate per combattere i tumori non solo uccidono o rallentano la crescita delle cellule tumorali, ma possono anche colpire le vicine cellule sane: questa è la causa…. Domande e risposte. Altre domande. Vuoi abilitare le notifiche? Caduta dei peli e dei capelli nella zona trattata.

Problemi in bocca. Nausea e vomito. Problemi alla pelle. Problemi alla gola. Mal di testavisione confusa. Tossefiato corto. Disturbi alla sessualità e fertilità. Problemi alla vescica e alle vie urinarie.